<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=270060846955571&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

UPA punta sull'innovazione con Neodata e lancia due progetti dedicati alla qualità dei dati nella filiera del Digital Advertising

Luglio 2018

Secondo le stime di UPA (l'Associazione nazionale delle aziende che investono in pubblicità) nel 2018 (che dovrebbe chiudersi con una raccolta in crescita dell'1,5%), il 30% degli investimenti saranno riversati sui new media.

Con l'obiettivo di rendere sempre più affidabili e trasparenti non solo i dati che i brand utilizzano per segmentare e profilare le audience, ma anche i meccanismi sottostanti alle transazioni lungo l'intera filiera del digital advertising, UPA ha avviato due progetti innovativi.

 

Come riportato in quest'articolo pubblicato su Programmatic-italia.com, ieri all'assemblea dell'Associazione il presidente Lorenzo Sassoli de Bianchi ha infatti annunciato che UPA sta dando vita a un data pool condiviso, a cui tutti gli associati potranno accedere per attingere a informazioni qualificate e affidabili, utili ad arricchire e calibrare le piattaforme dedicate alla pianificazione pubblicitaria.

 

La prima fase della sperimentazione su questo fronte, resa possibile dalla partnership tecnica con Neodata, coinvolge una mezza dozzina di imprese e dovrebbe rappresentare la premessa alla creazione di un ambiente aperto, all'interno del quale gli spender potranno condividere i dati sulle audience – opportunamente criptati e anonimizzati – per integrare e affinare il proprio patrimonio informativo.

Stando a quanto dichiarato, inizialmente la DMP (Data Platform Management) dell'Associazione tratterà cookie, mentre in seguito potrebbe gestire anche dati provenienti da altre fonti.

Un impegno, quello di UPA, che di fatto conferma gli orientamenti strategici espressi nel Libro Bianco sulla Comunicazione Digitale, redatto di concerto con le altre principali associazioni del mondo pubblicitario, e la centralità dell'innovazione in un settore sempre più connotato dalla frammentarietà dei canali e delle audience. Aumentare la visibilità delle iniziative e migliorare la trasparenza degli investimenti in Digital Advertising significa costruire un meccanismo di tracciabilità sicuro e accessibile in ogni momento a tutti gli investitori.