<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=270060846955571&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

DMP di Neodata: crea, raggiungi e misura il tuo target in modo semplice

Giugno 2019

 

C'è più di un motivo per cui exaudi, la DMP (Data Management Platform) di Neodata, rappresenta la soluzione ideale per le aziende che vogliono massimizzare il valore della relazione con le proprie audience. Come le altre DMP aperte ed evolute – in grado cioè di integrare i dati di navigazione degli utenti nei sistemi aziendali di Business Intelligence e di Marketing Automation e di sviluppare, all'aumentare delle sorgenti dati, nuove funzionalità e modelli di analisi evoluti per progetti di più ampio respiro – anche exaudi è uno strumento essenziale per pianificare campagne e convertire visite e contatti in azioni specifiche, da una parte facendo sì che la Customer Journey diventi sempre più coinvolgente e personalizzata, dall'altra restituendo all'azienda un riscontro in tempo reale sull'efficacia delle iniziative. Ma la peculiarità di exaudi sta nella sua capacità di generare target qualificati a partire dalla riconciliazione dei profili presenti nel CRM e sugli altri sistemi aziendali, a partire dall'ERP, sfruttando un potente motore di Intelligenza artificiale e l'integrazione con la suite Microsoft Dynamics. Il tutto garantendo una user experience intuitiva e accattivante anche agli utenti che hanno poca familiarità con gli strumenti analitici avanzati.

 


 

In che modo exaudi aiuta a identificare i target di riferimento

 

Prima di ogni altra cosa, la DMP di Neodata fa leva sui dati proprietari dell'azienda. Come ben sa chi si occupa di analisi di mercato propedeutiche alle attività di Marketing e Comunicazione, per costruire modelli più performanti e dare vita a profili più accurati è possibile integrare il patrimonio informativo in possesso dell'organizzazione con dataset acquistati da terze parti o da società specializzate nella raccolta e dell'elaborazione di informazioni personali. Ma perché dirottare risorse che potrebbero essere investite altrimenti quando esiste la possibilità non solo di creare autonomamente i propri modelli e di segmentare il proprio mercato, ma anche poi trasformarli in strumenti di Data monetization? exaudi punta proprio a questo: riesce infatti ad affinare e valorizzare i dati del CRM mettendoli in relazione con input ricavati dalle piattaforme di Business Intelligence ed elementi di contesto, identificando, per inferenza e con estrema precisione, i segmenti target nel mercato di riferimento.

 


 

Raggiungere il pubblico con un approccio one-to-one e misurare il ROI di ciascuna azione

 

Una volta stabilito quali sono i profili in linea con i risultati che si vogliono ottenere con una determinata azione di Marketing (una campagna pubblicitaria o un'iniziativa promozionale, ma anche una call-to-action specifica), exaudi indica i passi da fare per raggiungere le audience potenzialmente interessate ai messaggi nei luoghi e nei momenti più adatti a massimizzare il valore dell'interazione, personalizzandola là dove possibile. Che si tratti di programmatic advertising su Internet, di campagne sui social media, di iniziative sulla televisione tradizionale o di progetti di Addressable Tv, la piattaforma aiuta a pianificare e orchestrare il mix in modo da generare contatti one-to-one coerenti, rilevanti e opportunamente contestualizzati in base agli effettivi interessi e alle preferenze di ciascun individuo.

 


 

Misurare le performance in tempo reale per mettere a punto le iniziative

 

La funzione di exaudi non si esaurisce qui: il suo motore analitico continua a funzionare e a scambiare informazioni con gli altri sistemi aziendali anche quando la campagna viene somministrata, registrando le reazioni del target agli stimoli e valutando l'efficacia delle azioni intraprese. Si tratta di un approccio dinamico alla misurazione delle performance, che tiene conto dei nuovi dati acquisiti, elaborati e integrati con i modelli e i profili precedentemente determinati per affinarli ulteriormente. In questo modo non solo i responsabili Marketing possono calcolare il ritorno sugli investimenti per ciascuna iniziativa, ma hanno anche la facoltà di mettere a punto o correggere in corsa operazioni rispetto alle quali la piattaforma suggerisce possibili margini di miglioramento.